carta di credito

 

Le carte di credito revolving rappresentano uno strumento il cui utilizzo è in continuo aumento nel panorama italiano.

Tale strumento consente di effettuare acquisti e di pagare il relativo importo in più rate che vengono addebitate sul conto corrente del titolare. Attraverso il rimborso delle rate viene ricostituito il fido originario, in modo da consentire un nuovo utilizzo della carta.

In sintesi, ogni mese, al titolare della carta revolving viene inviato l’estratto conto riepilogativo delle spese effettuate, dell’utilizzo del credito, della rata addebitata e del fido di nuovo disponibile.

Le carte revolving vengono promosse dalle banche e dalle finanziarie, in quanto più redditizie delle carte di credito tradizionali. Infatti, la possibilità di rateizzare gli importi, aumenta gli interessi che vengono addebitati al cliente con conseguente maggior guadagno da parte degli intermediari.

In moltissimi casi, i tassi realmente applicati alle carte di credito revolving, già di per sé molto alti, superano i tassi soglia usura così come stabiliti dalla legge n. 108 del 07 marzo 1996, la quale espressamente prevede che “se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi”.

Per maggiori informazioni o chiarimenti è possibile contattarci all’indirizzo  info@priba.it oppure utilizzando l’apposito form presente nella home page.